Lettera Aperta_Studenti in Mobilitazione

Undefined
Salve, questa mail è stata spedita ad ogni docente dell'università di Pisa e contiene la lettera aperta del movimento ed una piccola richiesta: dato che molti studenti si recheranno a Roma il prossimo 14 novembre per manifestare in difesa della nostra Università e non potranno essere presenti a lezione o in laboratorio, non chiedere le firme o non segnare le assenze quel giorno sarebbe un piccolo gesto di aiuto che aiuterebbe molto chi scende in piazza per il bene di tutti. Per informazioni o altro alla fine della mail, dopo la lettera aperta, si trova l'elenco dei referenti per facoltà o dipartimento. Con simpatia, gli studenti in mobilitazione. LETTERA APERTA DEL 10 Novembre 2008 Siamo studenti in mobilitazione e in questo mese abbiamo costruito un movimento che ha saputo parlare davvero alla maggioranza del paese. Stiamo lottando contro una legge ingiusta, che preclude il futuro alla nostra generazione e alle generazioni che seguiranno. La battaglia del mondo della formazione è riuscita a sconvolgere lo scenario politico nazionale, rovesciando l’agenda politica del governo e facendo calare drasticamente il consenso nei sondaggi del presidente Berlusconi. Siamo convinti che la forza di quest’onda ci porti molto più lontano, verso un progetto autonomo di autoriforma del sistema di produzione del sapere. Un progetto che possa estendersi a tutte le altre categorie sociali, tutti uniti dalla consapevolezza che la volontà dei governi è quella di far ricadere i costi della crisi sulle categorie più deboli. Per questo solidarizziamo con tutti i lavoratori e i precari che vedranno i loro salari erosi e i loro contratti messi a rischio. Nel far questo ribadiamo con forza la nostra partecipazione al corteo del 14, in cui attraverseremo lo sciopero dei lavoratori portando in piazza le rivendicazioni di questa grande onda. Il 14 novembre a Roma vogliamo scendere in migliaia, per questo ribadiamo la necessità di avere la disponibilità dei treni per quel giorno. Il diritto alla mobilità e il diritto a manifestare sono diritti costituzionali che ci devono essere garantiti come movimento irrappresentabile, al di fuori di ogni associazione riconosciuta. Siamo scesi nelle piazze e abbiamo espresso conflittualità nelle stazioni, dimostrando di essere pronti a bloccare l’Italia intera. Dopo le mobilitazioni del 7 Novembre è stato possibile aprire una trattativa con Trenitalia, che fino a quel momento si era dimostrata ostile a qualsiasi contrattazione. Per estendere al massimo la partecipazione al corteo del 14 novembre abbiamo bisogno del contributo di tutti e tutte, sia per sbloccare la trattativa sia per pagare l’eventuale costo dei treni. Questa richiesta di aiuto è rivolta alla maggioranza del paese, a tutti coloro che in questo mese ci hanno appoggiato e ritenuto un interlocutore politico forte. Rilanciamo per tutti e tutte l’appuntamento per le 4:00 del 14 Novembre in Stazione Centrale per far sentire ancora una volta la nostra voce tutti uniti. Università 2.0 CONTATTI: Lettere - sandinista77@hotmail.it Biologia - alessia.scuderi@libero.it Lingue - giannalanducci@hotmail.it o 34832456693 Scienze per la Pace - peppe.picheca@libero.it Medicina - medpicontrola133@hotmail.it Farmacia - simonasst@hotmail.it Giurisprudenza - letizia.b@email.it Ingegneria - annamontin@libero.it Scienze Politiche - fradantonio@yahoo.it Fisica, Matematica e Informatica - carrarino.df@gmail.com Agraria - ziocircense@email.it Altre - carmignanioccupato@inventati.org